Visualizzazioni totali

domenica 27 luglio 2014

Matrimoni, manifestazioni, arrivi ed esami di maturità



Matrimoni, manifestazioni, arrivi ed esami di maturità
Domenica 20 luglio celebriamo 3 matrimoni. Qui in Centrafrica… purtroppo è raro che gli sposi si sposino prima di sposarsi… Cioè: prima si mettono insieme, mettono su famiglia, e se le cose vanno bene, se ci sono i figli ecc, dopo qualche anno si sposano.
Domenica dunque 3 coppie sono venute davanti all’altare per celebrare il loro matrimonio. Ed anche il battesimo dei loro figli. Rolande, fresca sposa, ha pensato bene di affrettare il parto, e la notte precedente ha dato alla luce Benedicta, che è arrivata giusto in tempo per ricevere il battesimo!
Martedì è un giorno speciale. Viste le tensioni di queste ultime settimane (un giovane ucciso dai militari camerunesi della MISCA, ed un militare linciato ed ucciso dalla gente), abbiamo pensato di fare una giornata di preghiera e riflessione. Martedì mattina ci siamo ritrovati nella chiesa battista per un momento di preghiera e riflessione insieme, protestanti, cattolici, ed alcuni musulmani. Ed in seguito abbiamo iniziato una marcia per la pace per le vie di Bozoum. Non eravamo tantissimi (circa 400 persone), ma come Gesù dice nelle sue parabole, basta poco lievito per far lievitare 3 misure di farina…
Martedì è un giorno speciale anche perché arriva a Bozoum p. Enrico Redaelli, che dopo qualche anno tra i ragazzi ed i giovani del Seminario di Yolè, a Bouar, rimarrà qui a lavorare per il Regno dei Cieli sparso tra i quartieri, i campi ed i villaggi di Bozoum. Benvenuto, e buon lavoro!
Venerdì mattina verso le 5 vorrei partire per Bouar, ma piove piove piove, e rimando la partenza al giorno dopo. Il sabato poco prima delle 6 partiamo con i nostri alunni di terza Liceo che vanno ad affrontare l’esame di Maturità. È la prima volta che degli alunni del nostro liceo Saint Augustin arrivano a questo traguardo. Speriamo che ce la facciano!
Tra sabato 26 e domenica 27 si chiudono le attività della Scuola dei Rifugiati. Inizialmente 750 bambini, e alla fine 350: perché molti hanno potuto rientrare nei villaggi dai quali erano fuggiti. Hanno potuto andare a scuola e terminare felicemente l’anno scolastico, grazie allo sforzo di una dozzina di insegnanti, e al finanziamento della Repubblica Ceca e al sostegno dell’associazione SIRIRI di Praga.












I nostri alunni di 3a liceo in viaggio verso l'esame di maturità
Nos élèves de Terminale en route vers l'examen du BAC


Padre Enrico (camicia a quadretti)
Père Enrico (avec la chemise à carreaux)
Posta un commento