Visualizzazioni totali

venerdì 22 giugno 2018

Un nuovo sacerdote, Sant’Antonio, e fine dell’anno scolastico.2



fra Christo, con i suoi genitori
le frère Christo, avec ses parents


Un nuovo sacerdote, Sant’Antonio, e fine dell’anno scolastico.2
Venerdì scorso parto da Bozoum, in mattinata, insieme a p.Davide e a Federico. Vado a Bouar per una grande festa: sabato 16 giugno un nostro giovane carmelitano centrafricano, fra Christo Nganamodei, diventa sacerdote.
Entrato in Seminario nel 2000, dopo un lungo cammino arriva finalmente questo grande giorno. Il Vescovo di Bouar, Mons. Mirek Gucwa, è anche lui emozionato: è la sua prima ordinazione sacerdotale!
A Bouar trovo p.Saverio, il nostro superiore Provinciale, e p.Pavel e p.Anastasio, che sono venuti apposta da Praga. Sono presenti i nostri giovani e tutte le comunità.
La celebrazione si svolge nella bellissima chiesa del convento di Sant’Elia. Accompagnata dai canti dei ragazzi del Seminario, la partecipazione alla Messa della gente (numerosa, dentro e fuori) è molto intensa.  Dopo l’invocazione dello Spirito Santi, il Vescovo chiede a fra Christo se intende rispettare gli impegni del sacerdozio. Poi fra Christo si stende a terra, e insieme preghiamo Dio, chiedendo l’intercessione dei Santi. Il Vescovo poi impone le mani, seguito dai sacerdoti: è un gesto antichissimo, che risale agli Atti degli Apostoli. E fra Christo è ormai sacerdote!
In pomeriggio devo subito rientrare a Bozoum. Domenica 17 celebriamo la festa di Sant’Antonio, patrono di una delle 3 cappelle che ci sono a Bozoum.
E domenica pomeriggio, il piazzale della Parrocchia si riempie degli oltre 1.200 bambini che frequentano le nostre scuole, dalla scuola Materna alle scuole Elementari, senza dimenticare i bambini della Scuola di Alfabetizzazione. È una festa! Ci sono i loro genitori, e tutte le classi sono chiamate sul palco.
Anche quest’anno riusciamo a dare un premio particolare ai 15 migliori alunni di ogni classe: una piccola pianta da frutta! È un’iniziativa che portiamo avanti ogni anno. Il dono della pianta è accolto con grandissimo orgoglio da bambini e genitori: una volta a casa, la pianteranno, e l’albero che crescerà sarà il ricordo di un buon lavoro a scuola.
E le piantine cresceranno!








P.Anastasio con Mgr Mirek

Festa della cappella St.Antoine






leggendo la pagella
lecture du bulletin des notes



Posta un commento