Visualizzazioni totali

giovedì 7 giugno 2018

Dar es Salaam

la cattedrale di Dar es Salaam

Dar es Salaam
Dopo qualche giorno dal ritorno a Bozoum, sono di nuovo in viaggio.
Domenica 3 giugno ho celebrato le Messe in parrocchia, e così ho potuto incontrare la “mia” gente. Tornare a Bozoum, significa anche riprendere con le belle celebrazioni liturgiche, ricche di canti, danze, ascolto e partecipazione.
A fine mattinata  parto per Bangui. La strada (400 km) peggiora continuamente, ed ormai ci vogliono circa 7 ore per arrivarci. Lunedì mattina parto verso la Tanzania: 3 ore di volo fino a Nairobi, cambio aereo e arrivo a Dar es Salaam, la capitale, intorno alle 9 di sera.
Qui mi accolgono le suore indiane della Congregation of the Mother of the Carmel, la prima congregazione femminile fondata in India nel 1866 da S.Ciriaco Chavara e dall’italiano p.Leopoldo Beccaro, carmelitano, fondatore, in seguito, del convento di Arenzano.
Con le suore indiane collaboriamo in Centrafrica dal 1991, e la mia visita è un atto di gratitudine per quello che fanno nel nostro Seminario della Yolé, nel dispensario, nelle scuole.
Sono qui perché giovedì 7 giugno 3 giovani (di Tanzania e Kenya) finiscono il noviziato e fanno la prima Professione religiosa: promettono a Dio di vivere in castità, povertà ed obbedienza.
Alle 8 ci troviamo nella cappella della comunità, dove le famiglie di queste tre ragazze le affidano a Dio. Sono tutte e tre vestite da sposa!
Alle 9.30 inizia la celebrazione della Messa in una parrocchia vicina: ci sono una ventina di sacerdoti, le famiglie e molte suore della Congregazione, venute da tutte le case  dei paesi dell’Africa in cui lavorano  (Sudan, Centrafrica, Tanzania, Kenya, Sudafrica, Malawi).
Dopo l’omelia, le 3 novizie emettono, nelle mani della Superiora Generale, la loro Professione. E poi ricevono l’abito nuovo, che rivestono come segno della loro nuova vita di consacrate.
La liturgia dura circa 3 ore, con canti e danze, il tutto in Swahili, la lingua che accomuna molti paesi dell’Africa dell’Est.
Segue il pranzo, semplice e ben curato, e in serata sono invitato alla festa, nella quale tutte le comunità della Congregazione portano qualche semplice dono, e si esibiscono in danze e sketch.
È proprio bello vedere come donne di paesi diversi (India e Africa, Kenya, Malawi, Sudan, Tanzania), di età e formazioni diverse, possano vivere con gioia la loro consacrazione. Lo swahili si alterna all’inglese e al malayalam (la lingua del Kerala –India), ma la gioia che risplende su questi volti è unica, ed è la gioia del Risorto.

















Posta un commento