Visualizzazioni totali

sabato 24 gennaio 2015

Buon lavoro!






Buon lavoro!
Il lavoro e l’attività non mancano mai a Bozoum...e non è solo colpa mia!
Lunedì una riunione mi tiene impegnato per tutta la mattinata. Alcuni giovani hanno minacciato le ONG che sono qui a Bozoum per dare una mano, con pretesti assurdi... Le ONG che sono qui, sono intervenute nei villaggi per la ricostruzione delle case, e in città per riparare le strade (in questo modo 2.500 persone, a turno, hanno potuto lavorare e avere un salario, e questo ha aiutato molto a diminuire le tensioni).
La riunione, alla presenza di ONG, Prefetto e rappresentanti dei giovani, è stata l’occasione per mettere in chiaro alcune cose, e anche di cercare di far capire ai giovani l’importanza del lavoro e della formazione, e non solo dei soldi facili...
É comunque un segno di come sia a volte difficile aiutare. E come sia importante far crescere la dignità in chi ha bisogno.
Lunedì, a Bangui, due persone che lavorano con la Caritas e la Commissione Sanità della diocesi di Bangui, sono state rapite dagli antibalaka. Si tratta del frère Gustave Reosse, centrafricano, e di Claudia Priest, francese (caso strano: rientrando in Centrafrica, era vicino a me sull’aereo...).
Il rapimento è opera di antibalaka, che speravano così di ottenere la liberazione di un criminale, uno dei loro capi, arrestato qualche giorno fa per crimini contro l’umanità...
Il giorno dopo anche una irachena che lavora per le Nazioni Unite è stata rapita, ma rilasciata qualche ora dopo.
I due invece sono rimasti nelle mani degli antibalaka. L’arcivescovo di Bangui ha lavorato molto per condurre le trattative, ma c’era molta tensione. Finalmente, venerdì 23 sono stati liberati tutti e due.
Inoltre ieri mattina una macchina della Croce Rossa Internazionale è stata attaccata sulla strada da antibalaka, a 26 km da Bangui. Minacce, furto di telefoni e soldi. Alla Croce Rossa! E, colmo dei colmi, il tutto davanti ai Gendarmi, che non hanno fatto niente per impedirlo!
Brutti segni...
Segno che la sicurezza non c’è.
Segno che tutto il dispositivo dei Caschi Blu non funziona (ancora?).
Tra l’altro, il fatto del rapimento di persone che lavorano chiaramente per un’organizzazione cattolica, dovrebbe aprire gli occhi a chi continua a parlare degli antibalaka come di “milizie cristiane”...
Intanto a Bozoum, oltre a preparare la Fiera Agricola del 31 gennaio, stiamo rivoluzionando i magazzini, rifacendo il tetto, sul quale monteremo il mese prossimo un impianto a pannelli solari.
Questo è un grande passo avanti, che ci permetterà di avere corrente e di non utilizzare (quasi) più i gruppi elettrogeni.
“L’impianto è da 11,2 kW. Il progetto è stato finanziato e realizzato da Seva con l’assistenza tecnica di Kad3Group e la donazione di batterie da parte di Vipiemme Solar. L’impianto fotovoltaico di Bozum sarebbe così operativo a marzo e fornire elettricità a circa 2.000 persone, oltre a ridurre di circa il 96% i consumi del gasolio.  si prevede una produzione di energia elettrica annuale di circa 18.000 kWh in grado di evitare circa 9000 kg/anno di emissioni di CO2.”
E tutto con il lavoro di Enrico Massone (che da quasi 30 anni torna in RCA per darci una mano), di Alessio Vada, della nostra équipe di muratori, e di altri (tipo Antonio e Guliano, in visita per qualche giorno, e subito messi con il pennello in mano...).

Buon lavoro!










Posta un commento