Visualizzazioni totali

sabato 14 dicembre 2013

lavorando per la pace e la riconciliazione...






Venerdì 13 dicembre
Questa mattina prima delle 6 , ho preso la strada per andare a Bocaranga, nel villaggio di Tatale (50 km) a prendere i feriti dell'attacco degli anti Balaka di Sabato 7 dicembre .
A meno di 15 km da Bozoum , mi sono fermato perché ci sono gli anti Balaka e sono mi stanno aspettando .
Li saluto: è la gente nei villaggi della strada, ci sono studenti , giovani, adulti ... sono oltre 80.
Iniziamo a parlare . Esprimono la loro disperazione per le esazioni dei Seleka e le loro disgrazie da marzo.
Io dico loro che la risposta alla estorsione e la lotta per difendere le loro famiglie e il loro villaggio è una buona cosa , ma non dovrebbe confondere i musulmani e i Seleka . I criminali sono la Seleka . Ci sono musulmani e Mbororos che ne  hanno approfittato , ma è fuori questione attaccare i civili come hanno fatto in Bozoum , provocando la reazione della Seleka ( con più di 20 civili innocenti uccisi ) e dei mussulmani che ora  sono tutti armati .
Capiscono , e chiedo se accettano di partecipare ad un incontro con il colonnello Seleka ... ed accettano ...
Continuo la strada , e in ogni villaggio ci sono anti Balaka . A Tatale , mentre prendiamo i feriti , ho incontrato il comitato di autodifessa , che avevano reagito contro gli anti Balaka che Sabato hanno attaccato i musulmani del villaggio . L'atmosfera è buona , ma ... il Colonnello Yahaya ( Bozoum ) ha venduto kalashnikov ai Mbororos .. e questo complica le cose ...
Torniamo con venti feriti ....

Cercherò di convincere il colonnello a venire domani, disarmato , in occasione della riunione ... speriamo , e speriamo che questo lavoro porti dei frutti di pace...
Sabato, 14 dicembre.
Questo è il grande giorno della riunione con gli anti Balaka (semplici contadini che hanno costituito comitati di vigilantes per proteggere le loro famiglie e beni, esasperati dalle esazioni dei Seleka)-
Alle 08:00 vado in città con il segretario della Prefettura, la Provveditore agli Studi e miei colleghi di Giustizia e Pace. Il colonnello Yahaya di Seleka chiama il suo "stato maggiore" e mi porge il telefono. Dopo aver spiegato il problema, e aver assunto la responsabilità per la sicurezza, si conviene che il colonnello può venire senza scorta (è la condizione che ho richiesto).
Intanto posso convincere alcuni leader musulmani (2 Imam, un capo Mbororo e un delegato dei trasportatori). Faccio fatica a convincerli, ma poi  sono determinati e fortemente motivati ​​(e molto coraggiosi considerando che gli antibalaka sono piuttosto ostili nei confronti dei musulmani e Mbororos, perché alcuni di loro hanno collaborato e approfittato  della presenza della Seleka).
Alla partenza, il colonnello è già sulla vettura quando uno dei Seleka sale con molte armi ... Lo facciamo scendere, ed anche il colonnello decide di non venire... (sol più tardi sapremo che i Seleka sono poi partiti con la loro auto ad alta velocità, per seguirci, ma hanno avuto un incidente e hanno dovuto rientrare. Non riesco a immaginare cosa sarebbe successo se fossero arrivati alla riunione armati...).
Partiamo. Arrivati ​​in paese ... c'è una linea impressionante di uomini armati ... Sono più di 500! Hanno fucili artigianali, fatti con tubi dell'acqua, machete, bastoni ...
Iniziamo l'incontro, e diamo la parola ai leader. E 'impressionante per ascoltare le loro grida di angoscia e sofferenza. Non possono viaggiare, hanno problemi con gli allevatori Mbororos (che sono armati e minacciando molti), sono stati feriti, torturati, violentati, derubati. Hanno perso dei famigliari, uccisi dalla Seleka (uno è stato ucciso e il corpo è stato gettato nel fiume) ...
Sono molto determinati, e lanciano un ultimatum di tre giorni perché la Seleka deponga le armi e lascino Bozoum ... In caso contrario, vogliono entrare in Bozoum ed attaccare i Seleka ...
E così sarà il disastro e la strage (in quanto identificano la Seleka e gli arabi ... sarebbe un massacro della popolazione musulmana, e in risposta un massacro di cristiani ...).
Riconosciamo la validità della loro rabbia nei confronti della Seleka. Cerchiamo di far capire che, anche se alcuni musulmani e alcuni Mbororos nanno collaborato con la Seleka, la maggior parte dei musulmani e Mbororos sono innocenti. Bisognerà anche disarmare Mussulmani e Mbororos, perché il colonnello Yahaya ha venduto dei kalashnikov (almeno 20 ...).
I musulmani che abbiamo portato sono molto saggi, per fortuna. A volte dalla folla ci sono grida contro i musulmani, ma rimangono tranquilli. Parlano, e in primo luogo chiedono perdono per il male che i musulmani hanno fatto e dicono di voler aiutare a far partire la Seleka in modo che possiamo tornare a vivere insieme in pace ...
Abbiamo terminato l'incontro con l'obiettivo di disarmo e di partenza Seleka: ci sono 3 giorni di tempo ... Non sarà facile, ma ci proveremo insieme ... Altrimenti, che Dio ci aiuti!
Il numero di antibalaka questa zona è probabilmente più di 1.000 elementi. Ci sono altri due gruppi principali, e stimiamo il numero totale tra 2.500 e 3.000 persone armate, come minimo-
Se riusciamo a disarmare e rendere Seleka dal movimento anti Balaka è pronto a lasciare le armi ... potrebbe essere un modello, e facilitare la pacificazione del paese.
Alle 15h: riunione con le persone che sono venute questa mattina (Segretario Prefettura, 5 musulmani, io) siamo d'accordo per leggere l'ultimatum al colonnello, e gli diamo 2 scelte:
• La Seleka lasciare Bozoum
• I Seleka, se vogliono restare, devono essere confinati in un unico luogo, e non uscire per le strade con le armi
Chiamiamo il colonnello, che arriva. Gli spieghiamo la gravità della situazione gli leggiamo l'Ultimatum degli anti Balaka, e presentiamo le nostre proposte. E 'chiaro che non sono troppo contenti ...
Chiediamo loro di prendere sul serio le proposte, perché attualmente gli anti Balaka sono molto numerosi e più potenti, e se la Seleka resiste, può essere un massacro per tutti ...
Ci penseranno e alle 11 di  domani ci daranno una risposta.











Posta un commento