Visualizzazioni totali

sabato 21 gennaio 2012

tanto riso e un grazie!


L'altro ieri sono rientrato dai soliti 750 km di stradaccie infami... Un salto a Bouar, per iniziare la preparazione della Fiera che vi faremo il 18 e 19 febbraio, e poi su verso il nord per controllare i cantieri delle 3 Casse di risparmio in costruzione a Koui, Bocaranga e Ngaundaye.
Rientrato a Bozoum, p.Norberto mi informa che qualcuno ha portato 2 sacchi di riso e un bel gallo come regalo per me!
Mi da una lettera,nella quale il responsabile di una cooperative (groupement) di coltivatori di riso mi ringrazia per le Formazioni ricevute, che gli hanno permesso di ottenere un raccolto eccezionale. Ecco il perchè del regalo!!!!


Confesso che il regalo e la lettera mi hanno toccato! più di 2 quintali di riso grezzo (risone) sono circa 75 euro: due mesi di salario!!!!
Da circa due anni stiamo provando ad inserire una nuova tecnica di coltivazione del Riso, ideata in Madagascar da un gesuita francese, che un agronomo di Dronero mi ha segnalato... (il mondo è piccolo...).
Quest'anno abbiamo ripreso la formazione, ed iniziamo ad avere i primi frutti! In alcuni posti, il raccolto del riso ha raggiunto risultati record, almeno per qui: a Bocaranga, sono riusciti a produrre 11 tonnellate per ettaro (la media, in Italia, è di 5,6 tonnellate/ettaro; qui, la media è sulle 2 tonnellate...)
é bello quando ti dicono grazie! non succede spesso,,, ma è bello. Del resto, non succede spesso neanche in Italia, o da altre parti. neanche in famiglia...
Qualche anno fa ero andato a celebrare l'Eucarestia a Bangarem, un villaggio a 70 km da Bouar (2 ore di macchina, la piroga per attraversare il fiume, e mezz'oretta a piedi...). Ero insieme a P.Carlo, che aveva lavorato in quel settore una ventina di anni prima, e tra l'altro aveve costruito le fondamenta della Cappella.Alla fine della Messa, un anziano si  è presentato con un bel gallo, dicendo; "P.Carlo, 20 anni fa tu eri qui, e mi hai portato a Bouar (70 km) perchè avevo un'ernia strozzata. Mi operarono, e sopravvissi. Da quel tempo non ci siamo più visti, e io non avevo potuto darti niente per dirti grazie. Eccoti il mio ringraziamento".

Se, semplicemente, fossimo un po' più grati e riconoscenti con Dio e con le persone... saremmo più felici e sereni!


Posta un commento