Visualizzazioni totali

sabato 23 luglio 2011

Formazioni per maestri


I MAESTRI A SCUOLA…
Ieri, 22 luglio, ero a Bocaranga per la terza sessione di formazione dei maestri delle scuole elementari della regione.
Mentre gli alunni si godono le (più o meno) meritate vacanze… cosa fanno gli insegnanti?
Vanno a scuola!!!!
Non è una vendetta… né uno scherzo, né una punizione. Ma per poter insegnare come si deve, per poter fare un buon lavoro, un insegnante deve tenersi aggiornato, leggere, studiare…
Qui in Centrafrica, purtroppo, molto di questo è impossibile, perché i libri sono rari, le riviste ancor di più… Internet è, per molti, qualcosa che fa parte della fantascienza…
C’è un altro problema: molti degli insegnanti, non hanno un diploma e degli studi superiori… Molti sono giovani del villaggio che hanno studiato un po’ di più, ed accettano di insegnare qualcosa ai bambini del paese. Si chiamano “maitres-parents”, cioè i “maestri-genitori”: sono maestri pagati dai genitori degli alunni. O meglio… che dovrebbero essere pagati (molte promesse, poi spesso i genitori si dimenticano di portare qualche soldo, o un po’ di cibo al maestro…) .
È per questo che in questi giorni abbiamo organizzato una serie di formazioni per tutti gli insegnanti della regione. Sono circa 700 insegnanti che per 5 giorni si mettono dall’altra parte della cattedra, per imparare qualcosa di nuovo, per approfondire la preparazione e i metodi di insegnamento.
Lunedì 11 luglio abbiamo iniziato qui a Bozoum, con 210 insegnanti. In pomeriggio, nonostante un po’ di malaria, sono riuscito a partire verso il Nord, a Ngaundaye, a 205 km. Qui, martedì mattina, altri 254 insegnanti hanno iniziato la loro formazione. E la settimana scorsa c'era  la terza sessione, a Bocaranga, a 125 km da Bozoum, per gli ultimi 260 maestri.


Una delle cose belle del Centrafrica, è che i maestri sono molto contenti di poter partecipare e di essere formati… di tornare a scuola! Per 5 giorni sono in classe, dalle 8 del mattino alle 5 di sera… con una breve pausa per il pranzo.
E anche questo è scuola!
Posta un commento