Visualizzazioni totali

giovedì 22 ottobre 2020

Santi, sport e nuovi cammini


Santi, sport e nuovi cammini

La mattina (presto) di sabato 17 ottobre lascio Bouar e la Sessione Pastorale della Diocesi. Domenica è la Giornata Missionaria, in tutto il mondo.

A Bouar, il Vescovo conclude la Sessione Pastorale con una grande celebrazione. E durante la Messa, consacra tutta la diocesi a Gesù Bambino di Praga, rappresentato con mantello e insegne regali, come Imperatore.

Qui a Bozoum, invece, ci spostiamo in una delle 3 cappelle della città, quella di Santa Teresa d’Avila. La sua festa era il 15, ma la celebriamo oggi, insieme ai cristiani che vivono in questo settore. Grazie a Dio non è piovuto molto, così possiamo attraversare il fiumiciattolo, insieme a tanta gente.

Domenica pomeriggio mi metto in viaggio per Baoro, e poi Bangui. Qui stiamo iniziando i lavori preparativi per la costruzione di un nuovo convento. Il progetto è ormai pronto, e in questi giorni si stanno facendo i rilievi per questo cantiere.

E proprio in questi giorni ricevo una notizia simpatica: la Caritas di Bouar ha uno sponsor! Si tratta della squadra maschile (in A2) del Cuneo Volley! Ecco cosa mi scrive un amico:

“Con la trasferta di Bergamo ha preso inizio il cammino di Cuneo nella serie A2 maschile di volley. In questa stagione sulla maglia da gioco del club cuneese (già “Campione d'Italia” nella stagione 2009/2010) spicca (tra gli altri partners) “Caritas Centrafrique – Diocése de Bouar” con la quale Cuneo ha iniziato un progetto di crowdfunding per la realizzazione di una abitazione da destinare a una delle famiglie più povere di Bozoum.”

 

Rientro da Bangui martedì sera, e il giorno seguente abbiamo la visita del nuovo superiore dei carmelitani in Centrafrica, p.Federico Trinchero. E inizia a prendere forma la nuova comunità di Bozoum, che sarà composta da p.Norberto Pozzi, p.Matteo Pesce e p.Marco Poggi.

In questi giorni sono con noi anche Mario e Luigina, una coppia di Pegognaga (Mn) che lavora (tanto e bene) per le nostre Missioni. Mario, tra le tante cose, sta lavorando ad un grande cancello per la cappella di Kpari, mentre Luigina ci aiuta, tra cucina e sartoria.

La maglia ufficiale del Cuneo Volley
La tenue offcielle de l'équipe Cuneo Volley

Riunione dei responsabili delle Scuole della diocesi
Réunion des responsables des écoles du  Diocèse

Cattedrale di Bouar
Cathédrale de Bouar

Festa nella cappella di Santa Teresa - Bozoum
Fete dans la chapelle Sainte Thérèse - Bozoum




da sinistra: P.Marco Poggi, P.Norberto, P.Federico, P.Norberto, P.Dieudonné
de gauche à droite: P.Marco Poggi, P.Norberto, P.Federico, P.Norberto, P.Dieudonné

Mario & Luigina

 

 

giovedì 15 ottobre 2020

Avanti!


 

Avanti!

Questa settimana è quasi tutta occupata dalla Sessione Pastorale diocesana. È una riunione che ogni anno, all’inizio delle attività pastorali, riunisce sacerdoti, religiose e religiosi, catechisti e persone impegnate nelle varie parrocchie, per alcuni giorni di riflessione e di scambio.

E così approfitto del viaggio per tornare a Baoro, dove passo la giornata di martedì insieme a p.Maurice. Mi presenta il lavoro che mi aspetta: ci sono 17 villaggi seguiti e accompagnati dal sacerdote. In 9 di questi ci sono le scuole di villaggio, organizzate da noi missionari, in collaborazione con i genitori dei bambini. Queste scuole permettono, nel settore di Baoro, a 1.700 bambini, di ricevere un minimo di educazione scolastica. Oltre a queste scuole, ci sono anche 5 scuole materne (con 170 alunni).

Discutiamo con lui e con il coordinatore, Simplice, di come organizzare la riapertura, e di come coinvolgere i genitori ed i villaggi perché vengano presto e numerosi ad iscrivere i bambini.

Con p.Maurice discutiamo anche della Scuola Meccanica, che forma una sessantina di giovani in questo settore. È un corso di 2 anni, e al termine i giovani escono con una buona preparazione per poter riparare auto, moto e altri mezzi.

Mercoledì’ mattina mi sposto a Bouar, dove partecipo alla Sessione pastorale. Siamo in tanti (un’ottantina), per 4 giorni di lavoro. Ci sono alcuni temi grossi (l’ecologia integrale, secondo l’enciclica “Laudato Sì” di Papa Francesco, e l’autonomia economica delle parrocchie). Proseguiamo poi con la presentazione delle varie attività di parrocchie e commissioni, cercando di leggere quanto succede nel paese, e di riempirci di fede, speranza e carità per le comunità che ci aspettano.

Domenica 18 ottobre, giornata missionaria mondiale, la Sessione sarà conclusa con una grande celebrazione, nella quale il Vescovo consacrerà la diocesi di Bouar a Gesù Bambino.

Avanti!





Baoro

Session Pastorale - Bouar 2020



 

 

venerdì 9 ottobre 2020

Fuma ch’anduma (Facciamo che andiamo!)

 


Fuma ch’anduma (Facciamo che andiamo!)

Qualche notizia spicciola, e poi la notizia più grossa, che molti hanno già ricevuto per mail, o letto su Facebook, o altrove.

Notizie spicciole:

In questi giorni si svolgono le prove dell’esame di maturità. Anche gli alunni del nostro Liceo St.Augustin sono coinvolti. Le prove sono tutte scritte, e la correzione sarà effettuata nella capitale. E fra 3 o 4 settimane saranno annunciati i risultati, alla Radio Nazionale.

Martedì vado a Bouar e a Baoro. A Bouar abbiamo una riunione con il vescovo, insieme dad altri sacerdoti della diocesi. E a Baoro vado perché… sarà la mia prossima comunità fra qualche settimana. E questa è la

Notizia grossa:

Diciassette anni.

È da diciassette anni che sono a Bozoum: parroco, ma non solo.

E nelle prossime settimane, lascerò Bozoum per Baoro, un’altra Missione, a circa 180 km da qui.

È quanto mi chiedono i superiori, e obbedisco volentieri, anche se non mi è facile.

Volentieri, perché conto più su di Lui che su di me: Dio non si sbaglia, e mettersi nelle Sue mani è una delle cose più intelligenti ed entusiasmanti che l’uomo possa fare.
Volentieri, perché stare troppo a lungo in un posto, rischia di far impigrire, spegnere la fantasia e arrendersi alla routine.
Volentieri, perché è un’esperienza nuova: lavorerò nei villaggi e nelle piccole comunità cristiane, nelle scuole di questi villaggi, e in tutto quello che potrò fare.

Non è facile, perché sono stati 17 anni belli, anche se difficili. La parrocchia di Bozoum è una comunità impegnativa, e a questo si sono aggiunte, col tempo tante realità che la gente di qui, e tanti amici sparsi per il mondo, hanno permesso di sognare, e di realizzare.
Non è facile, perché Bozoum mi mancherà.
Non è facile, perché tanta gente, bambini, giovani e adulti, si sono legati a me, e io a loro. E faremo fatica a dirci addio.
Non è facile, perché molti conoscono Bozoum e p.Aurelio quasi come se fossero una cosa sola…

Ho molta fiducia in chi mi sostituirà come parroco, e piano piano la comunità, insieme alla gente di Bozoum, e con l’aiuto e la preghiera di tutti voi, continuerà in quello che abbiamo iniziato.

Bozoum non finisce con la partenza di p.Aurelio! Anzi!

Continuerò comunque a dare una mano, a seguire alcuni progetti (Fiera Agricola in primis) e altre iniziative.

Ma è giusto, è bene, è bello che si giri pagina e che se ne scriva un’altra. Anzi, altre!

E allora: fuma ch’anduma (come diciamo in piemontese). Facciamo che andare. Let’s go!

E una preghiera per me, e soprattutto per Bozoum!

LA FOTO DEL BIMBO CON IL GALLO SI RIFERISCE A UN BEL MOMENTO DEL 2017:
50 km per un pollo!
Una domenica pomeriggio (agosto 2017), mentre entro nell’ufficio parrocchiale, si avvicina un bambino, incoraggiato dalla mamma. Avrà tra i 2 ed i 3 anni, e cammina orgoglioso con un pollo in mano (che è quasi più grande di lui!). Non capisco se lo vuole vendere, o cosa ne vuole fare, e allora la mamma interviene e mi spiega. Mi dice che è da mesi che il bambino vuole vedere p.Aurelio, e che si è anche messo a fare i capricci se non lo portano! Allora la mamma ha approfittato di P.Norberto, che era stato nel villaggio (a 50 km) per celebrare la Messa, ed ha chiesto un passaggio per portarlo finalmente a Bozoum! Il pollo? È un piccolo segno, ma un grande regalo! Sono commosso!

P.S.: mi trasferirò a Baoro in novembre, quindi c’è ancora tempo!

P.S.2: grazie di cuore per la valanga di affetto, messaggi e preghiere che ho ricevuto in questi giorni. Dio è buono!

P.S.3: conto, se possibile, di continuare a scrivere il blog…


I nostri candidati alla Maturità
Nos candidats au BAC




Baoro



Baoro