Visualizzazioni totali

venerdì 17 agosto 2018

Passaggi

Alba "on the road"


Passaggi
Nonostante l’insicurezza, la lontananza, e altre qualità che non sono troppo richieste per una turistica, a Bozoum c’è sempre un po’ di bella gente che passa.
In queste ultime settimane abbiamo accolto p.Marco Pesce, fratello (gemello) di p.Matteo, che in questi giorni festeggia il primo anno a Bozoum. P.Marco lavora ad Arenzano, nel nostro Seminario, ed ha potuto rivedere la Missione ed i confratelli, e condividere con noi la bellezza del lavoro pastorale.
Domenica pomeriggio sono partito per Bangui, passando anche questa volta da Bouar. La strada è più lunga di quella che transita per Bossemptele (sono 600 km, invece di “solo” 400 km), ma oltre ad essere meglio, mi permette anche di passare a salutare ed incontrare le altre comunità di Bouar (Yolé e St.Elia) e di Baoro.
Arrivo a Bangui martedì mattina, portando con me Maria Cottone, che partirà fra pochi giorni per rientrare in Italia, dopo aver visitato (e lavorato, soprattutto di ago e filo) le nostre Missioni.
In pomeriggio passo in Nunziatura (che è la rappresentanza ufficiale del Vaticano per il Centrafrica). È la “casa del Papa”, dove chi vive e lavora, vive e lavora non solo di fronte allo Stato, ma soprattutto a servizio della Chiesa del Centrafrica. Qui trovo il segretario, don David Charters (inglese), che dopo quasi 5 anni partirà verso New York, dove lavorerà per il Vaticano presso l’ONU. E trovo anche il suo successore, don Natale Albino (pugliese), che è appena arrivato, pieno di entusiasmo.
Martedì pomeriggio arriva un grande gruppo di volontari: sono i 14 dell’ONG SIRIRI.ORG, di Praga. La maggior parte proviene dalla Repubblica Ceca, ma alcuni arrivano dalla Francia. Recuperiamo i bagagli (ma una parte, proprio quella destinata al lavoro di formazione, è bloccata dai Doganieri -speriamo di poterla recuperare tra qualche giorno, e speriamo di non dover pagare per del materiale scolastico, destinato a maestri ed alunni). Si tratta del progetto “Imparare giocando”, ormai al quarto anno, con il quale stiamo rivoluzionando l’insegnamento elementare, con un approccio più partecipativo, e l’uso della lingua nazionale, il Sango.
Dopo una notte piuttosto corta, alle 5 di mercoledì partiamo verso Bozoum. Grazie a Dio non ci sono state molte piogge, in questi ultimi giorni, perché la pista tra Bossemptele e Bozoum (90 km) è molto brutta, e spesso rimane chiusa a causa dei camion che rimangono impantanati, a volte anche per alcuni giorni.
Nonostante due forature, arriviamo intorno alle 13 a Bozoum, dove la bella veranda ci accoglie.
E giovedì mattina inizia la formazione dei formatori: 26 insegnanti  che, la settimana prossima, lavoreranno insieme ai volontari di Siriri per le 2 formazioni che si terranno a Bozoum (circa 200 maestri) e a Bouar (una sessantina).
Buon lavoro!



p.Marco & p.Matteo
Maria e sr Anne Marie
don David Charters - don Natale Albino












Posta un commento