Visualizzazioni totali

domenica 25 febbraio 2018

Progetti e realizzazioni






Progetti e realizzazioni
Sabato 17 sono tornato a Bouar. Una settimana dopo la grande festa dell’ordinazione episcopale del nuovo Vescovo.
In mattinata passo a visitare la Fiera Agricola, che p.Beniamino e la Caritas organizzano anche qui. In pomeriggio rientro a Bozoum, ma non da solo:  vengono con me Fabrice Martin e Ludmila Bohmova, dell’ONG SIRIR.ORG di Praga. Saranno a Bozoum e poi a Bangui per il progetto “Imparare giocando” (il nuovo metodo per le prime classi delle elementari, che sta rivelandosi ottimo per l’apprendimento dei bambini).
È anche grazie a loro e, soprattutto, al Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Ceca, che l’hanno scorso abbiamo potuto curare più di 14.000 persone colpite dall’AIDS, ed aiutare oltre 58.000 rifugiati.
Esami medici (CD4, esami IST, bilanci biologia) 
 3.183
 Medicine e cure per infezioni opportuniste
 3.077
 Cibo
 1.993
 Microcredito
    188
 Iscrizioni a scuola
 2.042
Protezione donne incinte sieropositive e prevenzioni per neonati 
 3.847
 Rifugiati
58.790
 totale
73.120

Lunedì dovrei scendere a Bangui per una riunione Caritas, e dovrei andarci con l’aereo. “Dovrei”, perché dopo 3 ore passate sulla pista ad aspettare, finalmente mi dicono che l’aereo non può atterrare a causa della polvere (portata dal vento dal Sahara). Alle 16 parto dunque per Baoro, dove arrivo alle 19. Passo la notte qui, dai confratelli, e martedì mattina parto alle 3.30 per Bangui, dove arrivo dopo 5 ore di strada (e 400 km).
Faccio una riunione con la comunità, dove i progetti continuano ad avanzare. La futura scuola di agricoltura sta crescendo: l’utilizzo dei mattoni in terra stabilizzata (Hydraform) dà un ottimo risultato. Incontro anche p.Anastasio, sempre brillante, a dispetto degli anni (che sono ottanta, ma non bisogna dirlo!). Trovo anche con piacere p.Marie Philippe, un carmelitano francese, che rimarrà con noi qualche mese per l’insegnamento.
Alle 11.30 arrivo alla sede della Caritas Centrafrique, ma la riunione è rimandata all’indomani, perché i responsabili di alcune diocesi non sono ancora arrivati.
Mercoledì mattina iniziamo dunque la riunione Caritas. Sono responsabile Caritas della diocesi di Bouar, ed è bello trovarsi insieme in questa avventura al servizio della comunità umana, nella solidarietà e nella carità. Dal lavoro nelle singole parrocchie, fino ai progetti più grandi, la Caritas è presente su tutto il territorio.
A metà mattinata devo assentarmi per recarmi alla sede della FAO, dove firmo, a nome dei Carmelitani, un accordo che prevede l’intervento della FAO per il nostro centro agricolo del Carmel. Grazie ad un finanziamento del Governo Italiano,  1.500 giovani avranno la possibilità di studiare e di formarsi nel settore agricolo e dell’allevamento.
In serata arriva un po’ di pioggia, che mi accompagna anche sulla strada del ritorno. E giovedì alle 12 sono finalmente a Bozoum.




Foire Agricole Bouar


I nuovi disegni didattici
les fresques didactiques

P.Marie Philippe e la Scuola di Agricoltura
p.Marie Philippe et l'école d'Agriculture








Posta un commento