Visualizzazioni totali

giovedì 19 ottobre 2017

Santa Teresa & Co.






Santa Teresa & Co.
Domenica  15 ottobre abbiamo celebrato la festa di Santa Teresa. Noi carmelitani la chiamiamo “la Santa Madre”, perché è lei che ha riformato la famiglia del Carmelo. Una donna forte, piena di amore per Dio e per la Chiesa, che è riuscita a fondare una nuova famiglia, iniziando con le monache di clausura, e continuando con i Padri.
Una delle cappelle di Bozoum è dedicata proprio a questa Santa, e domenica la Messa l’abbiamo celebrata lì. Preceduta da tre giorni di preparazione, la Festa è stata un bel momento di preghiera e di gioia.
Il numero dei rifugiati a Bozoum rimane alto. Purtroppo la situazione nel Nord resta tesa. Come temevo, l’operazione dei Caschi Blu per “liberare” la zona di Bocaranga si è rivelata un’operazione di facciata. I ribelli non sono stati vinti, ma si sono solamente spostati di qualche chilometro, e continuano con le loro azioni criminali. Proprio ieri ho ricevuto la testimonianza di atti di violenza sessuale a Nzoro, a poca distanza da Ngaundaye, per opera di elementi del MPC…
Tra sabato e lunedì ci sono state due distribuzioni per gli sfollati. Sono arrivati i viveri, grazie al WFP (Programma mondiale per l’alimentazione) e poi materiale per la cucina, coperte, stuoie, teli e secchi, messi a disposizione da HCR (Alto Commissariato per i Rifugiati).
E martedì è iniziata la scuola per i rifugiati. Il Provveditore agli Studi ha messo a disposizione una scuola per i pomeriggi, e abbiamo iniziato con 8 classi, e 210 alunni, a cui se ne aggiungeranno presto altri.
Martedì mattina parto presto per Bangui, per accogliere alcune suore della Congragazione Indiana della Madre del Carmelo. È un momento importante, perché stanno per aprire una seconda casa a Bangui, ed arrivano 3 suore (sr.Nirmal e sr Pradeeba dall’India, e sr Catherine dal Malawi), accompagnate dalla Vicaria Generale.
Giovedì pomeriggio partiamo per Bouar, dove arriviamo a notte inoltrata, accolti dai ragazzi del Seminario della Yolé in grande festa.
È una nuova puntata che si apre. Con le suore indiane collaboriamo da più di 25 anni e, dopo qualche mese a Bouar, torneranno a Bangui per lavorare in particolare per le ragazze e le donne, per la loro promozione.


Cappella Santa Teresa
la Chapelle de Sainte Thérèse





distribuzione viveri
distribution des vivres


Distribuzione secchi, coperte, zanzariere, materiale cucina
Distribution de seaux, couvertures, moustiquières, oustensiles de cuisine

école déplacés

l'arcobaleno, segno di benevenuto per le suore indiane


Sr Grace, sr Catherine, Sr Pradeeba, Sr Nirmal
Posta un commento