Visualizzazioni totali

venerdì 25 marzo 2016

Settimana Santa






Settimana Santa
La liturgia ci accompagna verso il Mistero di Pasqua: la passione, la morte e la Risurrezione di Gesù.
La Settimana Santa si apre con la Domenica delle Palme. Qui a Bozoum ci troviamo verso le 8 davanti alla scuola “Isidore Bakanjia”: tantissima gente, con delle belle palme (molte intrecciate): c’è aria di festa, come 2.000 anni fa a Gerusalemme, quando la gente accolse Gesù con gioia.
Dopo la lettura del Vangelo e la benedizione delle palme, entriamo in processione (più o meno ordinata…) in chiesa. Qui la Messa prosegue normalmente, con la lettura del lungo Vangelo del Passio.
Martedì… si riparte! In primo pomeriggio sono a Bouar. Mentre sono nel nostro seminario della Yolé, arriva il Nunzio Apostolico. È praticamente l’ambasciatore della Santa Sede, e dato che il nostro vescovo è in Italia per motivi di salute, è lui che presiederà la Messa Crismale.
Al suo arrivo, canti e presentazioni, e poi passiamo un momento in cappella, dove incontra i ragazzi ed i giovani del nostro Seminario. Lui parla molto dell’avvenimento eccezionale della Visita del Papa in Centrafrica, il 29 e 30 novembre. Ma poi si interrompe, e chiede ai giovani che sono stati a Bangui per quell’occasione, di condividere quello che hanno vissuto. Ed i giovani hanno espresso pensieri profondi e molto belli. Ha chiuso la serie delle testimonianze Léonce, che è riuscito a farsi confessare dal Papa (il sesto di cinque penitenti…).
Mercoledì mattina alle 8 siamo in Cattedrale per la Messa crismale: è la Messa che riunisce i sacerdoti della diocesi nella memoria del Sacerdozio. Durante la celebrazione i sacerdoti rinnovano le promesse sacerdotali, e poi il Vescovo benedice gli olii che saranno usati per la celebrazione dei sacramenti.
Dopo il pranzo insieme, parto subito per rientrare a Bozoum, dove arrivo alle 19.30.
Giovedì mattina incontro i catecumeni, per un momento di preghiera e di riflessione, mentre nel pomeriggio celebro la Messa “in coena Domini” (dell’Ultima Cena), nella quale facciamo memoria del sacerdozio, dell’Eucarestia, e del comandamento della Carità (come Gesù in quell’ultima cena lavo i piedi a dodici persone, scelte tra i poveri della parrocchia).
Venerdì è giorno di silenzio e di preghiera. In mattinata incontro ragazzi, ragazze, giovani ed adulti che verso il 10 aprile dovranno ricevere il sacramento della Cresima. In pomeriggio invece siamo in chiesa per la celebrazione della Passione di Gesù.
Ci avviciniamo alla Pasqua, preceduta dal Sabato. Un giorno di attesa, ma nel quale siamo già sicuri che Lui vincerà!
E finisco condividendo con voi gli auguri da Pasqua, seguiti da una bella “preghiera del Buon Ladrone”:
Buona Pasqua da Bozoum!
In questi giorni “normali” succede qualcosa di eccezionale: Gesù soffre, è tradito, e muore per noi!
Prego e chiedo a tutti voi di aiutarmi e di aiutarci a non “abituarci” mai a Dio, di non accontentarci solo di qualche momento e di qualche pensiero, ma di vivere nella Memoria di quel gesto d’amore infinito che è la vita tutta di Gesù.
Prego e chiedo a tutti voi di aiutarmi e di aiutarci a non “abituarci” mai al dolore e alla sofferenza degli altri, ma di saper stare vicino, magari senza troppe parole, ma con tutto l’amore possibile e impossibile!
Buona Pasqua!
p.Aurelio

“Il momento peggiore arriva quando ti sospendono inchiodandoti a un albero morto
Segue un tonfo accecante quando lo lasciano cadere nella terra
Qualcuno dice che c’è come un black-out
Lo saprò presto
Gli alberi dovrebbero essere luoghi del canto

Ora mi stanno sollevando
I soldati stanno tirando le corde
Io mi alzo andando incontro alla mia morte
Poi è come se fosse un vuoto totale…

Quando riprendo i sensi non si sente alcun canto
Le mie ossa urlano di dolore
Cani abbaiano – ma non ci sono ladri in giro
Noi stiamo lontano da Gerusalemme in giorni come questi

L’uomo che mi sta accanto parla di tanto in tanto
Ha sete
Grida a suo padre in cielo
Chiede perdono per quelli che gli stanno attorno
La notte scorsa nelle celle c’era qualcuno che diceva che potrebbe essere un re
Mi sento spinto a parlargli
Dico “Ricordati di me quando arriverai nel tuo regno”
Con voce chiara risponde “Tu sarai là prima che il sole tramonti”
Ammutolisco davanti a tale promessa
Le sue parole mi tolgono l’ultima paura
Prima che cada la notte sarò molto lontano da questa malvagia collina con i suoi demoni
Comincio a sentirmi come un uccello che sta per essere liberato in un cielo senza fine

La mia forza mi sta lentamente abbandonando…
Sotto di noi c’è un gruppo di donne pazienti
Ce n’è una che continua a ripetere “Non dimenticate mai quello che mio figlio ha promesso”
Talvolta parla come se stesse pregando – “I nostri padri hanno confidato in Dio e
Egli li ha liberati”
Quanto è semplice la fede delle donne
Mia madre è morta molti anni fa
Ora ne ho un altra – O Signora dal Manto Blu proteggimi e prenditi cura di me

Sta diventando sempre più difficile respirare
La lingua mi si incolla nella mia bocca secca…

Ieri nessuno è venuto alla prigione
Nessuno si è interessato
E invece quest’uomo che mi sta accanto si interessa
Mi piacerebbe inginocchiarmi ai suoi piedi
Ma non posso muovermi

Sono le tre e il sole ha lasciato il cielo
L’oscurità è dovunque

Poi all’improvviso mi rendo conto che non sono più inchiodato a un albero morto
Devo solo stendere le mie mani e qualcuno le afferra”

Neville Braybrooke, The good thief speaks (1997)












venerdì 18 marzo 2016

in cammino verso Pasqua!






In cammino verso Pasqua
Domenica abbiamo tra noi p.Cyriaque, un giovane padre carmelitano, ordinato proprio qui a Bozoum nel dicembre 2011, in occasione dei 40 anni della nostra presenza qui. È venuto con 8 ragazzi, studenti liceali, che sono in formazione nel nostro Seminario di Bouar.
Domenica pomeriggio faccio un sopralluogo nella zona scelta per il pellegrinaggio dei giovani, che avrà luogo sabato, la vigilia della domenica delle Palme. Vado con Mario Mazzali: sono riuscito a strapparlo per una mezz’oretta dal lavoro! Al ritorno ci fermiamo sul ponte, costruito nel 1942 dai prigionieri italiani!!! Erano militari che, con la caduta dell’Etiopia e dell’Eritrea, erano stati mandati un po’ dappertutto in Africa.
Lunedì riprendiamo i lavori. Mario ci dà una mano, oltre al resto, a sistemare l’impianto a pannelli solari, installato l’anno scorso. Cambiamo una parte delle batterie, ed il sistema diventa più efficiente, grazie al materiale, al lavoro di Mario, ma anche al supporto della ditta KAD3 di Monopoli (Bari), che ci segue da lontano, ma non ci perde di vista!
Martedì ci ritroviamo con le suore per un’ora di adorazione eucaristica. Il Papa, nella sua visita in Centrafrica, aveva lasciato questo impegno, e tutte le comunità della nostra diocesi si alternano per assicurare ogni giorno una presenza di preghiera davanti all’Eucaristia.
Mercoledì passo in città “al forno” per comprare il pane: un laboratorio artigianale, con un sistema molto molto semplice, un forno a legna e un buon pane!
Giovedì è un giorno critico! Avevo invitato i fedeli a venire nel pomeriggio per una mezza giornata di ritiro e di riflessione. Temevo che venissero in pochi… Alle 14.10 invito i pochi ad entrare in chiesa, sperando di riuscire ad averne una cinquantina. Invece… piano piano la chiesa si riempie di gente molto attenta! Insieme riflettiamo sull’Amore di Dio, facendoci accompagnare da un testimone d’eccezione: San Pietro!
Dopo la catechesi, un momento di silenzio, e poi le confessioni.
Pasqua si avvicina, e cerchiamo di preparare cuore e testa a questo dono della Misericordia di Dio!
Ultima notizia: è in edicola l’ultimo numero di “Le saint Michel”, il giornale di Bozoum:

Il ponte sullOuham
















venerdì 11 marzo 2016

Qualche goccia


 


Qualche goccia
Domenica mattina, 6 febbraio, c’è un po’ di agitazione prima della Messa delle 8.30. La liturgia in Centrafrica è molto intensa, gioiosa e partecipata (cuore, mente, corpo, occhi, orecchie…). La Messa della domenica vede impegnati, oltre al prete… tutta la gente. Intorno all’altare si dànno da fare i catechisti, i lettori e lettrici, i chierichetti, la corale e… le danzatrici : un gruppo di bambine che danzano e accompagnano i canti e la liturgia.
Oggi c’è agitazione perché sono arrivate le nuove vesti liturgiche per le danzatrici! Nel 2014 i cristiani di Bozoum avevano raccolto un po’ di soldi per esprimere la loro riconoscenza al Parroco, dopo tutto il periodo di guerra e di rifugiati. Purtroppo, per un insieme di circostanze, il regalo previsto non era stato fatto, e qualche settimana fa mi hanno consegnato i soldi (più di 110 euro!!!). Allora ho pensato di far fare le vestine per le “danseuses”: un bel tessuto giallo, e un altro verde, tipo raso, ed è festa!
Alla Messa sono presenti p.Giustino, il nostro Provinciale, e p.Davide, il nostro Procuratore delle Missioni. Al termine p.Giustino saluta, e si meraviglia per i grandi lavori di costruzione della Chiesa, e dice che stiamo costruendo una CATTEDRALE! Il boato dei fedeli esprime tutta la loro soddisfazione! Questo lavoro, frutto di alcuni aiuti (tipo Propaganda Fide e, specialmente, dell’Aiuto alla Chiesa che soffre) è anche il frutto del lavoro dei cristiani di Bozoum, che hanno raccolto pietre e sabbia per la costruzione.
Verso le 13 partiamo subito verso Bangui, e alle 20.15 siamo finalmente nel nostro convento del Carmel. L’indomani mattina, prima di iniziare le riunioni, visitiamo il campo dei rifugiati (quasi 5.000 persone, che sono qui dal dicembre 2013!) e, accompagnati da un nugolo di bambini, visitiamo le stalle e le varie parti del terreno, coperto di palme, piante da frutta e  piante della foresta.
In mattinata ci riuniamo per confrontarci sulla comunità (costituita da 18 persone, di cui  la maggioranza sono i nostri giovani in formazione) ma anche sui progetti futuri: la costruzione di un convento, di un santuario e di un centro di spiritualità, l’apertura di una scuola agraria e, speriamo, l’arrivo delle Monache Carmelitane.
Il giovedì, dopo numerose (troppo!) riunioni, una piccola crisi di malaria e un po’ di cucina, mi metto in viaggio per rientrare finalmente a Bozoum, dove arrivo accolto da una bellissima pioggia. È la prima di quest’anno, dopo la stagione secca. Bastano 2 gocce per far rinverdire la terra secca e arida.
È un po’ come la grazia di Dio con la nostra vita!












i lavori di amplamento della Chiesa di Bozoum
les travaux d'ampliation de l'Eglise de Bozoum




venerdì 4 marzo 2016

Lunga è la strada…





Lunga è la strada…
Riprendo il mio cammino. Dopo la riunione a Kinshasa, in Congo, parto il giovedì sera per arrivare il giorno dopo a Yaounde, in Camerun, dopo uno scalo a Brazzaville, uno a Nairobi, un terzo a Douala…
In serata arrivano dall’Italia anche p.Giustino (il nostro superiore provinciale) e p.Davide Sollami, il nostro vice procuratore. Sono qui per visitare le nostre Missioni in Centrafrica, e salutare P.Domenico e p.Marco, della nostra Provincia, che lavorano qui a Yaounde.
Il giorno dopo, sabato 27 febbraio, passiamo la mattinata nella capitale, e verso le 15 partiamo per il Centrafrica. Il viaggio è lungo (oltre 750 km per arrivare a Bouar) e quindi passiamo la notte a Bertoua. Domenica mattina partiamo verso le 6, e alle 9 siamo alla frontiera. Passiamo a salutare Yussuf, un amico musulmano che viveva a Bangui, ma che è rifugiato qui in Camerun, dove ha avviato un grande allevamento di 60.000 galline ovaiole!
Verso le 12 affrontiamo il passaggio della frontiera… è sempre un’avventura: spesso il funzionario che deve firmare è assente, oppure manca la chiave, o il timbro… Per fortuna ce la sbrighiamo in un’oretta, e ci avviamo verso Bouar, dove arriviamo verso le 15. Ci fermiamo al Seminario della Yolé, e qui alle 17.30 celebriamo, insieme a 24 sacerdoti (tra carmelitani, cappuccini e diocesani) la partenza di suor Payton, una suora indiana, che rientra definitivamente in India dopo 25 anni di lavoro come infermiera a Bouar.
Accompagno il Provinciale, e così incontriamo i padri di ogni missione, e ci confrontiamo sul cammino che ogni comunità sta facendo, confrontandoci e cercando di aiutare tutti a superare le varie difficoltà. Tra una riunione e l’altra c’è anche tempo per fare qualcosa in cucina, oppure per sistemare un’antenna satellitare per internet, o per montare una campana…
Il martedì mattina ci spostiamo nell’altra comunità di Bouar, il noviziato di Sant’Elia, da dove partiamo il mercoledì pomeriggio per Baoro.
Qui incontriamo p.Lionello, p.Dieudonné, fra Nicola e fr.Martial, e passiamo la serata ed il giovedì con loro. Il venerdì mattina partiamo per Bozoum, e dopo una sosta a Bossemptele, arriviamo finalmente a casa, verso le 12, dopo un paio di settimane e dopo aver guidato per oltre 2.000 km.




P.Giustino, Youssouf, Sidibem p.Davide, p.Lionello e Saydou

Messa alla Yolé (Bouar)

Sr Payton

Celebrazione a Sant'Elia, con Padri e Novizi
Célébration à Saint Elie, avec Pères et Novices




i lavori per la Chiesa di Bozoum avanzano imponenti!
les travaux pour l'église de Bozoum avancent...
L'accoglienza delle suore congolesi a P.Giustino