Visualizzazioni totali

sabato 7 novembre 2015

La guerra continua…





La guerra continua…
Purtroppo dopo quasi 3 anni dall’inizio dei disordini in Centrafrica, la situazione non migliora. A Bangui, in particolare, ci sono scontri ed uccisioni, in particolare tra musulmani e non musulmani. Ogni incidente diventa causa di rappresaglie, uccisioni, saccheggi e distruzione, con tristi conseguenze per la popolazione, che si vede costretta a fuggire, abbandonando casa e quel poco che faticosamente hanno potuto conquistare, per andare a rifugiarsi nei vari siti, dall’aeroporto alle varie Missioni e Chiese. Anche nel nostro convento del Carmel i rifugiati, che erano diminuiti fino a scendere sotto i 2.000 a settembre, adesso sono aumentati, con i nuovi arrivi, a quota 7.400.
7400 persone che fuggono dai quartieri vicini, diventati zona di combattimento e di saccheggio.
La strada tra Bangui e Bossemptele e per il Camerun (l’UNICA strada attraverso la quale possono arrivare alla capitale viveri, carburante e merci) è praticamente bloccata da oltre un mese e mezzo…
E questo a meno di un mese dalla visita di Papa Francesco (il 29 e 30 novembre)… Non sappiamo se riuscirà a venire, e non sappiamo se riusciremo ad andarci…
Mercoledì pomeriggio mi metto in viaggio con le nuove suore di Bozoum (Sr.Lydie, Sr.Christine e sr.Annita) per accompagnarle a visitare un po’ il centro della diocesi. Facciamo una prima sosta a Baoro, dove ci ritroviamo con padri e suore per festeggiare l’onomastico di p.Carlo. Giovedì siamo a Bouar, dove incontriamo il vescovo, le clarisse e varie comunità. Abbiamo la gioia di vedere p.Mathieu, un prete polacco che era stato sequestrato nel novembre 2014, e poi liberato dopo una ventina di giorni. Il venerdì mattina altre riunioni, incontri e acquisti di medicine per il dispensario, ed in primo pomeriggio partiamo sotto la pioggia.
Le strade continuano a peggiorare: tra Bossemptele e Bozoum ci vogliono ormai 2 ore e mezza per percorrere 87 km…
Arriviamo a Bozoum alle 19.15, in tempo per la cena. L’accoglienza di tante comunità è sempre un bel segno di comunione e di amore.



Moto, bidone da 200 litri, bagagli, autista e passeggero... e belle strade
sur la moto: un fut de 200 litres, des bagages, le chauffeur et un passeger... sur des routes très belles


Sr Lydie, Sr Annita et Sr Christine


Il centro per i malnutriti di Maigaro, con suor Giulia
le centre pour les malnurris de Maigaro, avec sr Giulia






Posta un commento