Visualizzazioni totali

venerdì 2 ottobre 2015

Timori e speranze






Timori e speranze
Da qualche giorno il Centrafrica  è di nuovo in ebollizione. Tra sabato 26 e martedì 29 settembre, nella sola Bangui ci sono stati, secondo l’ONU,  41 morti, 266 feriti. Tutto è cominciato con il ritrovamento di un musulmano assassinato, ed in pochissimo tempo la situazione è diventata incandescente. Uccisioni, spari, furti e vandalismi (moltissime ONG sono state saccheggiate, ed i loro uffici distrutti).  Tutto questo ha causato la fuga da casa di 42.575 persone, che hanno trovato rifugio nei vari campi (parrocchie, conventi, aeroporto) che si sono creati da dicembre 2013…
Proprio adesso che le cose sembravano calmarsi un po’ e che si prospettavano le elezioni, sembra di essere ritornati al punto di partenza…
C’è ancora molto lavoro da fare, in profondità, nei cuori delle persone.
C’è da ripartire da zero, c’è da programmare a lungo termine, senza lasciarsi sopraffare dall’urgenza dell’immediato, c’è da disarmare seriamente chi non vuole la pace… C’è ancora troppo da fare, e purtroppo ho l’impressione che si sia fatto poco, anche da parte di grossi organismi come le Nazioni Unite.
Anche in altre città molti delinquenti hanno preso l’occasione per saccheggiare, attaccare le prigioni e creare problemi… Qui a Bozoum qualche sparo, qualche minaccia verso le ONG, ma tutto sommato più tensione che altro. Qualche balordo si è permesso di minacciare uno dei nostri bambini, musulmano, al ritorno da scuola! E per questo sono sceso più volte in città per manifestare una presenza, e scoraggiare i malintenzionati.
Domenica era la festa di San Vincenzo, un santo “enorme”: ha “inventato” la carità. Non nel senso che prima di lui non esistesse, ma nel senso che l’ha vissuta pensandola, sognandola e realizzandola. È lui che organizza ricchi e poveri, nobili e borghesi, uomini e donne ad andare in aiuto a chi è nel bisogno, con amore e intelligenza, dando tempo, denaro e cose, ma soprattutto tenerezza e misericordia, in nome di Dio.
Anche qui a Bozoum ci sono le conferenze della San Vincenzo, e domenica prendo l’occasione per parlare di questo santo e della carità intelligente e amorevole.
Il lunedì mattina celebro la Messa per gli alunni delle nostre scuole. È impressionante vedere tanti, tanti, ma tanti bambini in chiesa! Sono più di 1.200! La celebrazione è molto vivace, e a modo loro lodano e pregano anche i più piccoli dell’asilo!
Le nostre scuole procedono bene, anche con le novità introdotte dagli amici di Siriri, l’Ong di Praga. Una di loro, Ludmila, è rimasta qui per le prime settimane di scuola per aiutare gli insegnanti con i nuovi metodi. Per imparare a leggere, va tutto bene: anche una maglietta dell’Inter (credo) con la scritta Samsung…













Posta un commento