Visualizzazioni totali

venerdì 24 luglio 2015

Settimane tranquille!?!?!






Settimane tranquille!?!?!
Doveva essere una settimana tranquilla… e invece no!
Domenica celebriamo qui in parrocchia la festa della Madonna del Carmine, ed una ventina di persone ricevono lo Scapolare, un piccolo segno che indica la consacrazione a Maria e la protezione della Vergine.
Il lunedì iniziamo la formazione con CRS (Caritas degli Stati Uniti) per il progetto di microfinanza.
Il martedì mi chiamano le suore dell'ospedale di Bossemptele: Joseph, il nostro meccanico-autista-tuttofare da oltre vent'anni, è grave. Lo avevamo portato da loro quasi 2 settimane fa, ma dopo 2 interventi la situazione è peggiorata. C'è un blocco intestinale, con aderenze e forse qualche perforazione, dovute ad un'appendicite trascurata.
Piove molto, e quindi posso partire solo verso le 4 del pomeriggio. Arrivo a Bossemptele, a 87 km, dopo 2 ore. Prepariamo il tutto per l'indomani mattina: ci aspettano 300 km di strada, ed il malato è molto debole.
Mercoledì sveglia alle 4, e tra una cosa e l'altra riusciamo a partire alle 5.35.
Il viaggio, nonostante 40 km di asfalto terribile, pieno di buche, è regolare. All'entrata di Bangui purtroppo un camion, passando, ci spacca un vetro!
Alle 9 circa siamo finalmente all'ospedale, dove fortunatamente riusciamo a trovare il personale e il posto per ricoverarlo.
Mentre mi avvio a fare alcuni acquisti, incrocio la delegazione del Vaticano che è venuta a preparare la visita del Papa, per un primo sopralluogo. Papa Francesco dovrebbe venire a Bangui il 29 novembre!
Faccio il pieno della macchina, cerco il vetro rotto (introvabile…) e verso le 14 riparto verso il Nord.
Alle 17.30 sono a Bossemptele, dove lascio la suora infermiera che ci ha accompagnato, e verso le 19 arrivo a Baoro. Leggermente stanco, dopo 700 km di strada…
Il giovedì mattina parto per Bouar. La strada non è asfaltata, ed incrocio il convoglio di un buon centinaio di camion. Viaggiano scortati (proprio in quest'ultima settimana ci sono stati attacchi, rapimenti ed uccisioni sulla strada che va verso il Camerun..) ed il Codice della strada non è previsto tra gli optional! Al ritorno ne trovo un paio rovesciati!
Incontri, riunioni e visite, ed in serata mi ritrovo alla Yolè, vicino a Bouar.
Il venerdì mattina, prima di partire, passo a visitare i campi e gli allevamenti del Seminario. E saluto con piacere i miei "nipoti": i vitelli, discendenti delle prime mucche che avevo comprato, iniziando l'allevamento, grazie all'aiuto della diocesi di Cuneo, nel 1993!
Il resto della strada è "normale" (ci sono addirittura alcuni ponti riparati da un'ONG, ACTED), e finalmente arrivo a Bozoum verso le 12.30.
E così la "settimana tranquilla" si è risolta in 1.100 km  di viaggi!
Ma, per ora, quello che conta è che Joseph sia in cura, e sta migliorando! Sosteniamolo con la preghiera ed il ricordo!



Fra Giancarlo Cencio




Formazione con CRS
la formation avec CRS pour le microcrédit


camion in viaggio
un camion en route
lo stesso camion... rovesciato
le meme camion... renversé!









Posta un commento