Visualizzazioni totali

sabato 5 aprile 2014

Pronti, partenza, via...




Aeroporto di Bangui: il campo dei rifugiati... sul bordo della pista
Aéroport de Bangui: le camp des déplacés, out juste à coté de la piste





Domenica mattina saluto la mia gente di Bozoum, e dopo la Messa delle 8.30 parto verso Bangui.
Negli ultimi 150 km incontriamo una dozzina di barriere, tenute dagli antibalaka. Non mi fermo a nessuna barriera, ma è preoccupante il fatto che non ci sia nessuna pattuglia dei militari francesi o della MISCA su questa che è l’unica strada che collega Bangui al Cameroun, e quindi ai rifornimenti.
All’arrivo al km 12 (l’entrata di Bangui)  troviamo i militari francesi e pochissima gente per la strada: qui il giorno prima i militari ciadiani (che venivano a Bangui per evacuare gli ultimi musulmani) hanno sparato sulla gente ed hanno ucciso tra 30 e 40 civili!
Lunedì e martedì ho molte riunioni con ONG e Agenzie delle Nazioni Unite: era da novembre che non venivo a Bangui.
Martedì mattina passo a salutare i miei confratelli del Carmel: qui ci sono circa 10.000 rifugiati, che da dicembre trovano qui riparo e sicurezza. Con l’aiuto di molte ONG le condizioni   di vita sono discrete: grandi tende, docce e servizi igienici. Ma il fatto di essere qui, come altre 200.000 persone della capitale rifugiate nelle varie parrocchie e all’aeroporto, significa che la situazione è ancora molto molto tesa.
Martedì pomeriggio prendo l’aereo. Dal finestrino si vede il campo dei rifugiati dell’aeroporto, dove ci sono almeno 120.000 persone, in condizioni molto difficili!
Mercoledì arrivo a Genova, e ritrovo con gioia i confratelli di Sant’Anna e di Arenzano. Giovedì mattina sono a Savona, e verso le 8 arrivo, a sorpresa, arrivo nella casa di Emanuela, Marta e Alessandra, e saluto Hyppolite in sango: fa un salto sulla sedia, sorpreso della mia presenza! Stiamo un po’ insieme, e lo trovo bene: sul piano sanitario sta reagendo molto bene all’intervento e alle cure (e alle coccole della famiglia e di tante persone). Hyppolite è un ragazzo di Bozoum, che da febbraio è in Italia per ricevere le cure mediche necessarie.
Ed alle 13.30 arrivo a Cuneo, e qui inizia un’altra storia.
Con Hyppolite a Savona
Avec Hyppolite, Alessandra, Marta et Emmanuela à Savona


 

Il campo dei rifugiati al Carmel a Bangui
Le camp des déplacés au Carmel à Bangui


P.Federico
le père Fréderic



Posta un commento