Visualizzazioni totali

domenica 30 marzo 2014

Ciao Bozoum



Un albero della savana  con dei fiori strani....
Un abrbre de la brousse avec des fleurs étranges
Ciao Bozoum
Nonostante la situazione nella capitale, Bangui, sia sempre molto tesa (almeno 20 morti in questi ultimi giorni), a Bozoum continuiamo il cammino per la costruzione della Pace.
In questi giorni è arrivato un contingente di 80-100 soldati camerunesi della MISCA, che rimarranno qui a Bozoum per assicurare un minimo di sicurezza.
E venerdì 28 marzo, c’è stata l’INAUGURAZIONE DELL’ANNO GIUDIZIARIO. Cioè... Non essendoci nè il Tribunale, nè i giudici, abbiamo costituito un COMITATO DEI SAGGI che, 3 giorni alla settimana, giudicherà  su alcuni problemi (litigi, piccoli furti). Questo permetterà di avere un punto di riferimento per la gente, ed evitare rappresaglie e vendette.
Venerdì sono andato sulla strada di Bocaranga. Qui c’era un villaggio, Tatale, che ospitava 650 Peuls. Ma quando sono passato, non ce n’era più nessuno! La settimana scorsa alcuni antibalaka sono venuti, minacciando di sterminare tutti i Peul, ed hanno ucciso una donna incinta, e ferito 2 altre persone.
A Herba, un villaggio dove la Seleka aveva bruciato oltre 200 case in settembre, porto le prime 50 porte destinate a chi ha iniziato a ricostruire la casa (tetto in paglia e muratura in mattoni di terra). Un piccolo aiuto da parte dei gruppi missionari della Comunità Pastorale S.Ambrogio e S.Martino (Cassina Amata e Palazzolo).
A Kake,a 95 km da Bozoum, ci sono ancora una settantina di donne e bambini Peuls. Ho portato un po’ di riso e un po’ di olio,  e cercato di rassicurare un po’ queste donne, bellissime nella dignità del loro dolore.
Sabato 29 marzo è l’anniversario della morte del primo Presidente del Centrafrica, Barthelemy Boganda. Una personalità che ha lasciato un ricco patrimonio di idee e di valori.
In mattinata ci siamo riuniti in una chiesa protestante per un momento di preghiera. Abbiamo voluto farlo insieme, proprio per celebrare una volta di più l’unità che è e dev’essere alla base del vivere civile di questo paese.
In pomeriggio c’è stata una Marcia per la Pace, seguita da un concerto.
E stasera chiudo le valige... perché domani scendo a Bangui e martedì 1° aprile (non è uno scherzo!) parto per l’Italia per un po’ di tempo.
Ma il cuore e la testa (quel poco che c'è...) restano qui, a Bozoum!


Il primo carico di porte per Herba
le premioer voyage des portes pour  Herba


Le donne e i bambini Peul di Kake
Les femmes et enfants Peuls de Kake

L'inaugurazione del "Tribunale"
L'installation du "Comité des Sages"

La Marcia per la Pace
La marche pour la Paix

La preghiera ecumenica per la Pace
La prière écumenique pour la Paix






Posta un commento