Visualizzazioni totali

sabato 18 gennaio 2014

alta tensione






Sabato 11 Gennaio 2014
Ieri  alcuni Seleka e molti civili musulmani sono partiti in convoglio per Bangui , ma gli antibalaka ( cui i  Seleka avevano bruciato almeno 700 case il giorno prima ... ) li hanno attaccati . Ci sono stati morti e feriti , e ho deciso di andare a vedere . La mattina vado a vedere l' Imam per  presentare la mia intenzione di andare a recuperare i morti ei feriti , ma anche per aiutarli a riflettere sulla situazione .
Parto alle 14h con la Croce Rossa . La strada è pericolosa , con una presenza costante di antibalaka ... A Bokongo ( 14 km) la Seleka ha bruciato 70 case . A 20 km c'è un ponte bruciato, e passiamo a lato , ma dopo fermiamo la macchina , perché l'albero di trasmissione si è rotto ... Riesco a contattare per telefono  Joseph, il nostro meccanico , e in attesa all'arrivo partiamo a piedi a  5 km . Qui , nel villaggio di Boyabane , ci sono state 4 persone uccise : i Seleka sono arrivati con le uniformi della polizia, ed hanno ingannato la gente dicendo di venire tranquillamente , e, una volta arrivati, hanno sparato e ucciso ...
Qui ci sono 220 case bruciate , e ci dicono che ci sono altri villaggi sulla strada ( Bombalou , Boyala , Boyaram ) dove ci sono almeno 600 case bruciate . Quindi, in totale , tra questa  strada e l'altra verso Paoua l'8 e il 9 gennaio, la Seleka (sotto gli ordini del Direttore Aggiunto (!!!) della polizia , il "Generale" Rakis Adoum ) ha bruciato più di 1.300 case e ucciso almeno una dozzina persone. E fare questo in un contesto di tensioni , è un suicidio !
Al ritorno (dopo che Joseph ha riparato la macchina) carico 3 feriti . Più avanti , in un villaggio , ci sono molte donne musulmane: le persone del villagio, cristiani, le hanno protette e le carico tutte con i loro figli, e alle 18.30 arrivo a Bozoum.


Domenica 12 gennaio 2014
Arriva la notizia che un convoglio con dei camion sarebbe in strada dal Ciad per cercare i civili che vogliono lasciare Bozoum.
Verso le 13 la Misca di Paoua mi contatta per chiedermi di andare dagli antibalaka per evitare attacchi.
Noi pensiamo di approfittare dell’occasione per fare partire anche i seleka dopo averli disarmati. Questa soluzione permetterebbe di calmare la situazione, perché noi speriamo che gli anti balaka, nonostante tutto (e soprattutto nonostante le 1.300 case bruciate!) potrebbero accettare di deporre la armi e rientrare nei loro villaggi… Il capitano dei Sangaris di Bossangoa è dello stesso parere.
Verso le 15, parto per vedere il colonnello Yahaya, ferito e allettato. E’ molto debole e gli espongo la soluzione: deporre le armi e scortarli verso il Ciad o verso Bangui.
C’è una discussione molto animata con alcuni dei suoi uomini, e alla fine partiamo, sperando che ci riflettano e che accettino questa possibilità, che potrebbe salvare la loro vita, quella dei civili mussulmani e Peuls, la città di Bozoum.
Se non accetteranno, gli antibalaka continueranno a combattere…
Dopo questa riunione andiamo a vedere due responsabili della comunità mussulmana e gli esponiamo i fatti.
Lunedì  13  gennaio 2014
Oggi doveva partire un convoglio, scortato dalla MISCA, forza multinazionale africana, e dall'esercito Ciadiano, l'accordo era di farli partire insieme ai Seleka, dopo averli disarmati. Alle 13 mi viene un dubbio, e vado a vedere e il convoglio era pronto per partire, senza i Seleka, e non avrebbero lasciato nessuna protezione in città...
Gli ho detto che non era possibile lasciare una città in mano ai Seleka, che si sarebbero vendicati...
Torniamo indietro, in centro, e cerchiamo di discutere. Ma molti musulmani erano contrari a far partire la Seleka, e ci sono state minacce contro di me, ed hanno iniziato a tirare pietre sulla macchina. alcuni sono arrivati con le armi... (ma alcuni musulmani mi hanno anche difeso..)
Finralmente  decidono di lasciare qui dei militari della FOMAC, e poi di far partire il convoglio.
Ho preso la strada prima di loro, fino a 20 km, per pregare gli antibalaka di non fare azioni contro il convoglio.
Il convoglio era composto da una cinquantina di camion e macchine, e un centinaio di moto...
Verso le 15 quando ero ancora in città, visto che per allontanre la folla i militari hanno sparato alcuni colpi in aria, si è sparsa la voce che mi avevano ucciso...
Quando poi sono rientrato, verso le 18h 15... sembrava l'arrivo del Messia. Grida e vestiti per terra davanti alla macchina... una cosa che non puoui immaginare....
Quando sono riuscito ad avere un po' di silenzio, ho ringraziato ed abbiamo recitato un'Ave Maria per quelli che erano in viaggio, per chi ci fa del bene e chi ci fa del male...

Martedì, 14 Gennaio 2014
Notte tranquilla. La prima notte senza Seleka a Bozoum : sono partiti tutti con il convoglio verso il Ciad , e Paoua sono stati disarmati dalla Misca .
La Misca (Forza ilitare dei paesi dell’Agrica Centrale) ha pattugliato la città tutta la notte, ma alle 13h sono partiti a Paoua, e lasciano la città senza protezione... Speriamo che non ci siano problemi. Dovrebbero tornare domani .
Alle 08:30 partiamo  sulla strada di Bossangoa . Diverse case sono state bruciate dalla Seleka la settimana scorsa. Qui non ci sono gli antibalaka , ma incontriamo le persone che hanno trovato rifugio nella scuola biblica della Chiesa Evangelica dei Frères . Piccola riunione nella quale annunciamo la partenza della Seleka, e la possibilità di tornare a casa entro 1 o 2 giorni.
Porto anche 240 kg di riso per questi 750 sfollati.
Dopo prendiamo la strada per Bangui, e incontriamo due grandi gruppi antibalaka a cui annunciamo la partenza della Seleka . Abbiamo fissato un incontro per Mercoledì pomeriggio tra antibalaka , Misca e il Comitato di mediazione .
Alle 16 prendo la strada Bocaranga - Paoua, e trovo qualche centinaio di antibalaka . Discutiamo a lungo e  ci rivedremo domani mattina .
Lo scopo di questi incontri è quello di spiegare la partenza del Seleka, calmarli r convincerli a tornare ai loro villaggi e deporre le armi ...

Mercoledì e Giovedi 15 e 16 gennaio 2014
Mercoledì mattina, dopo una riunione del Comitato di mediazione con gli antibalaka della zona Nord di Bozoum arriva una missione OCHA ( Ufficio per il Coordinamento delle Nazioni Unite ) e l'UNHCR ( Alto Commissariato per i Rifugiati), insieme a dei giornalisti della BBC . Nel pomeriggio andiamo insieme sull'asse Bangui per incontrare gli antibalaka . Andiamo con il catechista Jerome arrestato dalla Seleka e rilasciato lo scorso Venerdì . Una lunga riunione , nella quale , come altrove , stiamo cercando di diffondere il messaggio di pace e di invito a tornare alla normalità .
Ma non è ovvio : la sera intorno alle 20, vedo degli antibalaka armati nella concessione della Missione, tra gli sfollati. Ne  disarmo diversi ... e dico loro di non venire in città con le armi .
Giovedi mattina alle 6:00 celebriamo una  Messa di ringraziamento per gli sfollati della Missione , che partono subito per tornare alle loro case ...
Intorno alle 9 siamo sulla strda di Bossangoa, ma al ritorno troviamo degli antibalaka con le armi in città. Li invitiamo ad uscire, ma con solamente 11 soldati della Misca non è facile !
Nel pomeriggio vediamo saccheggi e atti di violenza da parte degli antibalaka che colpiscono soprattutto la comunità musulmana o quanti avevano relazioni con la Seleka. Facciamo una riunione di emergenza , e decidiamo di stabilire un coprifuoco dalle 20 alle 5... Dopo la riunione vado vedere i musulmani , che hanno un sacco di paura... e cerchiamo di calmarli .
Vado a piedi verso casa , e interpello tutte le persone con le armi:  o fanno dietrofront , oppure lasciano  l'arma.
Torno giù in città dopo le 20, e la situazione sembra più calma .
E 'chiaro che ci vuole una forza militare più significativa . La Misca ha lasciato solo 11 soldati qui , e non è sufficiente per tenere la sicurezza e cominciare il disarmo (che è molto urgente).
Venerdì 17 Gennaio 2014
Giornata confusa. In mattinata la situazione sembra sotto controllo . La Misca è stata rinforzata con 12 elementi e un carro blindato. Hanno messo due checkpoint nel centro della città, e in un primo momento funziona. Le persone sono controllate e disarmate. Ma i militari tolgono anche i gri-gri (amuleti) degli  antibalaka, e questo provoca la loro rabbia . La situazione si aggrava rapidamente . Corro tutta la mattinata  a destra e a sinistra, tolgo le armi, consiglio ecc . Intorno alle 10 un grande gruppo sta  cercando di entrare in città , ma dopo una lunga discussione sembrano ritirarsi . Torno alla missione , ma questo gruppo ha preso la strada della città, hanno trovato armi da fuoco e cominciano a sparare contro la Misca ... La reazione è stata rapida , con colpi sparati in aria ...
Alle 14.30 torno a vedere la situazione, che sembra più calma. Alle 15h 30 facciamo un incontro con gli antibalaka. L'incontro sembra funzionare . Esprimiamo la nostra preoccupazione per la situazione, per la  tensione, per i saccheggi ( almeno 60 negozi sono stati saccheggiati ) e gli atti di violenza ( ci sono stati almeno cinque feriti , uno abbastanza grave ) .
Ascoltiamo le loro opinioni, e li invitiamo ad isolare gli elementi violenti ed i  ladri , e cerchiamo di coinvolgerli nel mantenimento dell'ordine .
Domani nel pomeriggio cercheremo di impostare una tabella di marcia , con un accordo sulle condizioni per fermare la violenza ed i furti. Non è facile : stasera alle 21h mi chiamano per una rapina , e ho trovato tre giovani armati , e ho ritirato un fucile, nonostante il coprifuoco e le riunioni...












Posta un commento