Visualizzazioni totali

venerdì 13 settembre 2013

paura e Speranza






Oggi, venerdì 13 settembre, il Presidente ha annunciato lo scioglimento della Seleka, la coalizione dei ribelli.
Una bella notizia. Se fosse vera. Cioè… la notizia è vera, ma non è stata annunciata nessuna iniziativa seria per far si che i 25.000 ribelli lascino le armi.
Speriamo, ma in questi giorni la tensione è molto alta, perché ci sono stati scontri tra i ribelli ed alcune bande armate (ex militari? Gente dell’ex presidente? Altri ribelli? O semplicemente gente stufa di vivere come schiavi?). Il risultato è stato molto pesante, con almeno un centinaio di morti… Il problema grosso è che sono ci sono state anche rappresaglie contro i musulmani prima (da parte di queste bande) e poi contro i cristiani, da parte della Seleka, con distruzioni, incendi e uccisioni.
Gli scontri sono avvenuti a Bouca, Bossangoa e vicino a Paoua… a meno di 150 km da Bozoum.
E molti scappano. E a Bozoum ormai i rifugiati sono oltre 6.400!
In settimana faremo una distribuzione di viveri, e intanto pensiamo alla scuola per gli oltre 3 mila bambini sfollati…
E se la situazione non accenna a migliorare… la Speranza non manca!
Speranza. È appena arrivato con noi Vojtech, un ragazzo di 20 anni di Pilsen (Rep.Ceca), dell'Associazione SIRIRI, che si fermerà con noi per un anno, come insegnante… e come alunno! Per vivere e capire la Vita da questa parte del mondo.
Speranza. Stiamo finendo la costruzione del Centro per gli studenti, che tra qualche giorno accoglierà una quarantina di ragazzi e ragazze della nostra scuola, provenienti da Ndim, Bosemptele e altri posti lontani.
Speranza. Tra fine agosto e inizio settembre abbiamo organizzato 2 settimane di formazione per 80  maestri delle nostre scuole. Pedagogia, perfezionamento dell’insegnamento, ma anche sensibilizzazione sull’Educazione Civica, di cui il paese ha enorme bisogno.
Speranza. In questi giorni per un paio di settimane un’ottantina di catechisti sono in formazione sulla Fede, sul Credo, sul Sacramento del Matrimonio.
Speranza. Ieri pomeriggio ho passato un’ora con uno dei ribelli. Ho fatto l’angelo tentatore… per aiutarlo a riflettere e lasciare emergere il bello e il buono che ha dentro… e cambiare strada!
Speranza. Domani, sabato 14, ci incontriamo con i leaders religiosi: cattolici, protestanti e musulmani, insieme per pregare, riflettere e aiutare la nostra gente a non lanciarsi sulle strade dell’odio, della paura e del disprezzo.
Speranza, che brilla sui volti di tanti. Ed è Fede!



Ma la speranza, dice Dio, ecco quello che mi stupisce.

Questo è stupefacente.

 

Che quei poveri figli vedano come vanno le cose e che credano

che andrà meglio domattina.

Che vedano come vanno le cose oggi e che credano che andrà

meglio domattina.

Questo è stupefacente ed è proprio la più grande meraviglia

della nostra grazia.

E io stesso ne sono stupito.

E bisogna che la mia grazia sia in effetti di una forza incredibile.

E che sgorghi da una fonte e come un fiume inesauribile.

Da quella prima volta che sgorgò e da sempre che sgorga.

 

Perché le mie tre virtù, dice Dio.

Le tre virtù mie creature.

Sono esse stesse come le mie altre creature.

Della razza degli uomini.

La Fede è una Sposa fedele.

La Carità è una Madre.

 

La Speranza è una bambina da nulla.

Che è venuta al mondo il giorno di Natale dell’anno scorso.

Che gioca ancora con babbo Gennaio.

 

Eppure è questa bambina che traverserà i mondi.

Questa bambina da nulla.

Lei sola, portando le altre, che traverserà i mondi compiuti. (Charles Péguy)









Posta un commento