Visualizzazioni totali

giovedì 4 aprile 2013

Perché restiamo ?

Il giorno di Pasqua mi telefona un mio cugino, e mi dice (rigorosamente in piemontese, neh): “Fate nen masè, pitost ven via” (non farti ammazzare, piuttosto vieni via).
Io gli ho risposto che era tutto tranquillo, anche se non lo era…
Quando un paese è in una situazione come il Centrafrica, tutto può succedere. La ribellione ha conquistato una città dopo l’altra, e dappertutto si è ripetuto lo scempio dei saccheggi e della distruzione.
Quando c’è agitazione, i primi a scappare sono le autorità civili e quelle militari… Gli stessi che fino a ieri facevano i prepotenti ed i gradassi con i deboli, oggi si fanno piccoli e invisibili…
Via i medici, via gli infermieri, via gli insegnanti… In breve la città è rimasta sguarnita.
Un silenzio irreale, e tutti in attesa del peggio… Ogni rumore è sospetto… una moto mette paura, un cane che abbaia… cosa sarà?  Circolano le notizie… i ribelli sono qui, sono là, hanno fatto questo e quest’altro… Cercano il Padre Aurelio, cercano la macchina….
Poi iniziano gli spari. Il cuore prende a battere incontrollato, mal di stomaco, mal di pancia… è come se il corpo cedesse alla paura, mentre la testa tenta di ragionare… anche se non sempre ce la fa…
E quando la situazione si fa più difficile, quando ti rendi conto di essere tra le poche “personalità” rimaste… ti chiedi perché…
Perché la gente ha bisogno di un Padre, di una Madre, di una Sorella. Anche se non fai niente, già solo il fatto di esserci, dà speranza e aiuta. È come stare vicino ad un ammalato, o a un bambino che dorme. Sa che ci sei. E la tua presenza è anche il Segno di un’Altra Presenza…
Perché sai che se te ne vai, quello che hai costruito in tanti anni rischia di essere distrutto: scuole, ospedali, cooperative agricole, la Cassa di Risparmio… Tutto può essere distrutto in poco tempo. E temi che non ci sarà più la forza e i mezzi per riprendere da capo…E non ti interessa tanto perché l’hai fatto tu, ma perché in tutto questo c’è il lavoro fatto con la gente, l’educazione e la formazione che vedi crescere molto lentamente, e che rischia di essere bloccata definitivamente…
Perché sai che Lui è sempre al tuo fianco, anche quando la barca sembra essere sul punto di affogare…
Perché ogni tanto arriva un uomo, arriva una donna, che ti dice: Grazie perché rimanete! O un bambino, che è potuto venire nella tua scuola, nonostante tutto ti guarda e ti sorride…
E allora anche tu, nonostante la paura, il mal di pancia, le notti mezze passate in bianco, capisci che stai facendo qualcosa di bello e di importante: stai dando la carezza del Nazareno a quanti ne hanno più bisogno!
Coraggio? Un po’ ma pieno di tanta paura. Ma anche della Presenza di Qualcuno che non ci pianta mai!




Queste sono le foto della Cassa di risparmio che abbiamo aperto a Ndim (160 km da Bozoum) un anno fa. Oggi è stata attaccata dai ribelli... Grazie a Dio, e all'intervento di un padre cappuccino che parla l'arabo, sono stati bloccati prima di forzare la cassaforte (che comunque era vuota.....)







Qui invece è Bozoum, il giorno di Pasqua...
e ... ieri abbiamo riaperto le scuole.... in barba ai ribelli!  Anche questa è risurrezione!








Posta un commento