Visualizzazioni totali

venerdì 13 gennaio 2012

un'altra Italia





Alessandra con Aristotele (la capra)



 Maurizio Pianella, dentista di Bologna, è tornato per la seconda volta a Bozoum, per riaprire lo studio dentistico, e lavorare. Mi ha mandato questo resoconto, che è troppo bello per lasciarlo in un cassetto... Lo condivido con lui. Grazie Maurizio!


Pina e Concy, alle prese con le carte...
Il mio girovagare nei paesi del terzo mondo allo scopo di portare assistenza odontoiatrica a chi ne è sprovvisto, ha un'aspetto collaterale imprevedibile e che mi riempie di orgoglio: la presenza di italiani, ovunque ci sia un bisogno, che offrono le loro competenze con capacità e buon cuore. Gratis.
Sono stato recentemente in Repubblica Centrafricana aderendo ad un progetto di sviluppo della salute orale per l'associazione " Amici per il Centrafrica" e precisamente a Bozoum , una cittadina di 16 mila abitanti all'interno della cui diocesi retta dai Padri Carmelitani è presente una scuola per 800 alunni, una falegnameria,un' officina meccanica e un  dispensario con annesso ambulatorio dentistico, il tutto organizzato da 3 sacerdoti italiani ( P. Aurelio, P. Giancarlo e P. Norberto) ben coadiuvati da un gruppo di suore italiane.
L'armonia che si respira e la serenità interiore che trapela dai loro comportamenti sono il risultato di scelte di vita che hanno nella semplicità e nella disponibilità d'animo il loro fulcro fondamentale e ciò che più conta è che questo ambiente è contagioso; ho vissuto e lavorato 15 giorni, assieme alla mia compagna Concy, senza sentirne il peso e con la gioia ogni mattina di alzarci per aiutare qualcuno.

Piero. grande piastrellista, e non solo
Ed è in questo ambiente che ho conosciuto Piero, piastrellista ligure di 70 anni che assieme al collega Enrico, edile tuttofare, ripristina il pavimento delle aule scolastiche posando 700 piastrelle al giorno.
Compleanno di Alessandra... a Bozoum. Di fianco, Gaia, Enrico e Piero
Alessandra, ingegnere di Massa che progetta la ristrutturazione di una chiesa e la rimessa a nuovo di alcuni magazzini ed è per questo che si tratterrà in missione alcuni mesi.
Pina, barese di nascita, ma milanese di adozione ed efficienza con spirito di assoluta dedizione alla causa ha ottemperato a qualsiasi necessità, dalla cucina ( di alto livello) alla lavanderia, all'igiene degli ambienti e all'animazione serale.
Gaia, splendida diciannovenne, utile per il dispensario e l'ambulatorio dentistico, ma disponibile ovunque fossero necessarie due braccia e un cuore. Eravamo presenti quando ha ricevuto una mail dal papà che la esortava ad aiutare chiunque avesse bisogno. Lo stampo della famiglia si individua anche in argomenti come questi.
Mancava Giorgio, infermiere ligure, da anni all'opera presso le missioni del Centrafrica. E' rientrato in Italia per combattere una brutta malattia.Ma ci ha detto che è già sul piede di guerra. Pensa già ad un rientro. Coraggio Giorgio, tifiamo tutti per te.
Io e Concy abbiamo fatto la nostra solita parte in ambulatorio lavorando con modalità e tecniche europee in ambienti in cui la cura dei denti non è ancora vista come necessità assoluta, anche se qualcosa si muove grazie alla sensibilizzazione dei ragazzi delle scuole.
Gaia
Tanti momenti piacevoli, ma indimenticabili le serate trascorse in veranda a conversare, con il sottofondo dei rumori di una città che non voleva dormire.
L'Italia cialtrona, chiassosa, furbetta e incivile non l'abbiamo vista.
Ma dobbiamo andare in Centrafrica per scoprire un'altra Italia?
 
Dott. Maurizio Pianella responsabile SMOM per la Romania e la Repubblica Centrafricana
Concy, l'assistente del dentista, si lascia tentare dalla pediatria...
Posta un commento